Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Scopri di più sul sito del garante della privacy

HomeReportagePadre Franco Nascimbene9 agosto 2019 lettera da Padre Franco Nascimbene

9 agosto 2019 lettera da Padre Franco Nascimbene

 

PFNascimbeneIntestazPaginaprecedenti LETTERE

 

 

 

Da: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. [mailto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ]
Inviato: venerdì 9 agosto 2019 17:56
A: musichouse-edizioni mitzi & enzo; sergio moia; domenico monetti
Oggetto: Fwd: lettera dalla Colombia

Carissimi,

Oggi avrei dovuto partecipare ad una riunione di frati e suore nere di Bogotá, dove sempre mi invitano  perché dicono che ho il cuore nero ( cosa che evidentemente é un complimento), ma é stata sospesa ed, avendo alla mano un computer con internet, ne approfitto per mandarvi qualche notizia.

Comincio con due notizie tristi sulla situazione della Colombia.

Il processo di pace con il piú grande gruppo guerrigliero, ch'era stato firmato quasi tre anni fa, é un poco in crisi perché l'attuale governo, che non ne condivideva molte cose, continua a fare passi per boicottarlo ( dicono gli esperti che in questi tre anni solo il 20% degli impegni che il governo aveva presi sono stati mantenuti), ció che sta provocando reazioni negative in vari settori delle FARC: son giá vari i leaders del gruppo che hanno preso le distanze, sono tornati a perdersi non si sa dove e si teme che stiano riorganizzando la guerra, dopo che avevano consegnato le armi due anni fa.

Altri di loro sono oggi parlamentari e senatori e continuano in parlamento la lotta perché non si perdano le acquisizioni ottenute dall'accordo di pace.

L'altra cosa triste é che varie centinaia di persone, leaders sociali ed ex-guerriglieri,sono state assassinate dalla firma dell'accordo fino ad oggi.

Ció significa che il governo non é capace di proteggerli o  che é contento che gruppi paramilitari di destra uccidano persone che possano dar fastidio agli interessi delle classi ricche aI potere?

Io continuo normalmente la mia vita tra i neri sulle colline della periferia sud di Bogotá: da qualche settimana ho iniziato il mio quinto anno tra loro.

Dopo i vari interventi fatti l'anno scorso in Italia, ai denti marci , alle anche dolenti, al melanoma  sul braccio, ora sto bene, meglio che un anno fa.

Da due mesi sto accompagnando un secondo gruppo nero in un altro quartiere della zona.

Sabato scorso un gruppo di loro, tutti originari dello stesso paese, situato nella costa pacifica,ha voluto celebrare qui in Bogotá la festa patronale della loro parrocchia di origine.

Mi hanno invitato a celebrare una Messa di apertura della festa alle 9 di sera in una sala comunale che avevano affittato.

Poi tutta la notte é passata cantando ,al ritmo dei tamburi, con cibo tipico della loro terra,, con la presenza di 150 persone nere.

Per loro sono momenti importanti, come una boccata di ossigeno, un rinverdire le radici culturali in una cittá che normalmente disprezza la cultura nera.

Nel quartiere stiamo preparando la settimana della pace, che si celebra ogni anno in settembre.

Con alcuni vicini di casa ci stiamo riunendo ogni sabato nel pomeriggio per riempire di terra le bottiglie di plastica che abbiamo raccolto in strada durante la settimana. Ne stiamo preparando 500 che useremo durante la settimana della pace come mattoni per costruire una casetta dove raccogliere bottiglie e cartoni da riciclare, evitando che si trasformino in spazzatura che sporca le strade.

Se l'esperimento funziona, speriamo che con il tempo altri settori del quartiere, vedendo ció che noi abbiamo fatto, gli venga voglia di copiare la idea, cosa che potrebbe migliorare molto la igiene di tutta la zona.

Le notizie che mi giungono dall'Italia mi parlano spesso di frontiere chiuse, di barconi rifiutati dal governo Italiano ,di centinaia di immigrati morti in mare, di scelte politiche egoiste ed assassine che preferiscono uccidere gli altri che aprirci all'accoglienza.

Spesso mi chiedo: quando impareremo ad abbattere le frontiere e ad aprirci alla fraternitá con tutti gli esseri umani?

Tra le perle che si trovano nella prima lettera che il papa Francesco ha scritto , la Evangelii gaudium,  ce n'é una che in queste settimane mi sta ispirando molto e che voglio condividere con voi. 

Dice piú o meno cosí:  " Il pastore in certi momenti é bene che stia davanti al gregge per guidarlo e per mantenere viva la speranza, in altri momenti é meglio che stia in mezzo al gregge, per vivere la fratenitá con le pecore e accompagnare da vicino il loro cammino,in altri momenti infine é meglio che stia in fondo al gregge per aiutare le pecore che fossero stanche o ferite ed anche  perché sa che le pecore hanno un  olfatto che permette loro di andare dove c'é pasto verde ed acqua fresca.

Che il Signore mi aiuti e ci aiuti tutti a scoprire qual'é il momento giusto per stare davanti , in mezzo o al fondo del gregge dove viviamo.

Un abbraccio

 

 

Franco

 

Ricerca nel sito

Calendario

<< 2019 >>
< Novembre >
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 23 24
25 26 27 28 29 30